La Scuola di Corno di Leningrado

di Frøydis Ree Wekre
originariamente pubblicato nel Volume X, No.1, ottobre 1979


Un nuovo centro culturale fu fondato in Russia con la nascita di San Pietroburgo nel 1703. San Pietroburgo rimase strettamente legata alla sua città gemella, Mosca, la capitale originaria. che si sviluppò come un importante centro commerciale, sostenne il grande Teatro Bolshoi e portò avanti la sua bella tradizione per le arti drammatiche.

Il ruolo delle arti in Russia in questo momento stava cambiando e acquisendo una nuova posizione più attiva e prestigiosa. Gli aristocratici già impegnati nelle arti continuarono il loro sostegno a teatri e orchestre da camera. La Corte Reale di San Pietroburgo ospitava la Corte "Kapella" che forniva campi di lavoro musicali attraverso l'uso di alcuni metodi russi tradizionali ma non sistematici. Molti artisti e studenti stranieri di talento alla Corte "Kapella" hanno contribuito a influenzare e sviluppare il russo riconosciuto a livello internazionale lo stile come lo conosciamo oggi.

Per saperne di più: La scuola di corno di Leningrado

Una storia di cori di corno negli Stati Uniti

di Anthony Schons


La maggior parte delle informazioni sulla storia antica dei cori di corno proviene da Norman Schweikert. Nella sua pubblicazione in Il Corno Chiamaci , discute come la tradizione del corno da caccia, in particolare in Francia e Germania, non abbia preso subito piede negli Stati Uniti. L'idea dell'ensemble di corni, a questo punto principalmente quartetti, arrivò negli Stati Uniti dall'Europa nei balletti e nelle opere.1 Ci sono molte opere e alcuni balletti con gruppi di corno da caccia, con il "Coro di caccia" di Der Freischutz fare strada. Questi gruppi non accademici sono cresciuti in popolarità attraverso numerose esibizioni che hanno portato ai primi club di corno degli Stati Uniti incentrati sulla letteratura per il quartetto di corni.2 Questo si è stabilizzato per molti anni e alla fine si è evoluto nel primo ensemble di corni organizzato di più di quattro suonatori di corno. Questo ensemble, l'Echo Club, fu fondato a New York nel 1900 da 44 suonatori di corno che partecipavano ad un concerto organizzato dal Aschenbroedel-Club raccogliere fondi per assistere le persone colpite da un uragano che aveva danneggiato Galveston, in Texas, l'8 e il 9 settembre di quell'anno.3 Il Aschenbroedel-Club serviva come una sorta di unione di musicisti in quel giorno, e l'Echo Club era un club per suonatori di corno all'interno del più grande Aschenbroedel club. La performance successiva, che è stata recensita dal Corriere Musicale, avvenuta il 28 aprile 1901 a beneficio del Aschenbroedel Vernin cassa malati.4 Un anno dopo, il 4 maggio 1902, l'Echo Club si esibì in un altro concerto a beneficio della cassa malati del club.5 Questo concerto è stato nuovamente recensito positivamente dal Corriere musicale. L'ultimo concerto pubblico, noto all'autore, avvenne l'8 marzo 1909. Il New York Times ha scritto che "...I ventiquattro membri del New York Echo Club hanno suonato un inno di Beethoven e 'Hunters Drinking Song' di Schantl...”6 La menzione finale del club, come crede Schweikert, fu in un necrologio nel 1921 su un funerale di un membro dell'Echo Club in cui un "doppio quartetto di corni" eseguì "Verlassen" di Koschat.7

Per saperne di più: Una storia di cori di corno negli Stati Uniti

Un piston français sur un cor allemand

di Frédéric Jourdin


Ajouté à un cor en si bémol discendente, un piston ascendant en ut apporte plus de justesse et de facilité dans l'aiguë tout en proposant des doigtés simili a ceux du cor double en SiB/Fa lorsque ce piston est contrôlé au niveau du pouce. Et grâce à une coulisse de son bouché et une extension optionnelle en fa toutes les notes du registre peuvent être jouées, le tout pour un poids total de l'instrument très léger.

Ainsi Dennis Brain avait fait ajouter à son cor simple en si bemol discendente de la marque française Raoux deux pistons rotatifs supplémentaires. Le premier était pour la coulisse de son bouché. Le second était ce piston ascendant d'un ton qui fonctionne à l'inverse d'un piston discendente: la palette au repos l'air circule dans la coulisse ascendante; mais lorsque la palette est enfoncée l'air emprunte un chemin plus court ce qui élève la tonalité du cor un ton au dessus du si bémol. M Brain explique qu'en élevant ainsi son cor en ut alto les notes aiguës la, si, do et ré sont excellentes et le cor admet également le sol pédale ainsi qu'un bon sol grave (Grieve, 1971). Cet instrument bénéficie à la fois des qualités des systèmes discendente e ascendente.

Leggi tutto: Un piston français sur un cor allemand

L'esperienza amatoriale per adulti

Una vista sia dall'insegnante che dallo studente

di Lynn Steeves e Tina Barkan

Il punto di vista di un insegnante

Nel corso dell'ultimo anno ho avuto il piacere di insegnare a Tina Barkan, una cornista dilettante adulta che ha ricominciato a suonare il corno dopo una pausa di 30 anni. Sebbene abbia insegnato a una vasta gamma di studenti, dalla quarta elementare al livello collegiale, questa è stata la mia prima esperienza di insegnamento a qualcuno più grande di me e vorrei condividere le preziose lezioni che ho imparato attraverso questa esperienza.

Nota a margine: sebbene la maggior parte di questi suggerimenti possa essere applicata a tutti gli studenti di corno, sembrano particolarmente applicabili quando si insegna a un adulto.

Leggi di più: L'esperienza amatoriale per adulti

Trattative - Fare del nostro business "il nostro business"

di John Cox 


Negoziazione: "un conferimento, discussione o contrattazione per raggiungere un accordo". (Webster's New World Dictionary, seconda edizione del college, 1970)

Se c'è un argomento che viene sottovalutato, se non addirittura accennato, nella nostra scuola di musicisti, sono i contratti e la loro negoziazione. Questo è il compito di assicurarci che il nostro duro lavoro, istruzione e capacità di rendimento siano ricompensati nella misura in cui possiamo guadagnare un salario di sussistenza. Se sei cresciuto in una famiglia non sindacale, come molti di noi, non hai mai sperimentato nulla riguardo alle "negoziazioni contrattuali" fino all'inizio della tua carriera di insegnante/artista, quando è arrivato il momento di "rinegoziare" il contratto.

Esaminiamo il processo negoziale dalla posizione del neofita. Insegnanti e giocatori esperti riconosceranno ed empatizzeranno quando ricorderanno la loro prima volta al "grande ballo" delle negoziazioni. Se lo ricordi, attendi con impazienza le trattative con lo stesso entusiasmo dell'acquisto di una nuova auto, tranne per il fatto che le trattative contrattuali di solito si estendono per mesi anziché poche ore frustranti.

Per saperne di più: Trattative - Fare del nostro business "il nostro business"

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente, incluso lo stato di accesso. Utilizzando il sito accetti l'utilizzo dei cookie.
Ok