Fare piani ora

logo ihs54

IHS54 si svolge presso il Texas A&M University Kingsville Music Education Complex, una struttura bella e spaziosa completata nel gennaio 2020. L'Università si trova nella storica città di Kingsville, in Texas, costruita sulle terre donate del famoso King Ranch.

Le tradizioni dell'allevamento continuano ad essere uno stile di vita qui e bisogna avventurarsi solo per una breve distanza per incontrare una ricca fauna selvatica. Questa zona ispira il tema del simposio Corno Indomito. Lascia che ispiri anche le tue presentazioni, esibizioni e composizioni per il simposio.

Scatena il cowboy che è in te e unisciti a noi dall'1 al 6 agosto 2022 per il 54° Simposio Internazionale di Corno!

1-6 agosto 2022 a Kingsville, TX, USA

Prendi il libro!

Questo volume commemorativo del 50° anniversario della International Horn Society è presentato in un formato che si addice a tale celebrazione. Il libro combina foto e altri aspetti visivi trovati nei libri da tavolino con resoconti storici narrativi della formazione della società e delle sue attività nel corso della sua prima metà del secolo. Il libro avrà una copertina in finta pelle e circa 210 pagine a colori, coprendo tutti i workshop e simposi, pubblicazioni, programmi e progetti di commissioning, borse di studio e altri programmi e uno sguardo alle persone che compongono la comunità IHS. Ordina adesso.

Relazioni del simposio - IHS LA 2015

ihsla1

Ciò che inizialmente mi ha colpito dell'IHSLA è stata la superba organizzazione dei nostri ospiti Annie Bosler e Andrew Bain: lo staff efficiente, la Colburn School e i numerosi luoghi vari e superbi, il programma dettagliato e completo degli eventi e l'impressionante line-up di artisti in primo piano . Era solo l'inizio. In qualità di "professionista esperto" e molte volte anch'io artista in evidenza, ho vissuto simposi sia senza successo che di successo nel corso degli anni ed ero quindi sia interessato che entusiasta alla costruzione di IHSLA. Un'altra cosa interessante per me è stata come questo evento avrebbe impressionato la mia figliastra di 14 anni - che, sebbene provenisse da una famiglia di musicisti da entrambe le parti, era al suo primissimo Horn Symposium. Parlando con lei della settimana, ha detto che ciò che l'ha resa più felice è stato guardare e ascoltare i grandi giocatori, per poi incontrarli in seguito - le persone, come Andrew Bain e Sarah Willis, che aveva visto in TV ed erano qui di persona – e poi tra noi a chiacchierare e ridere. I fiati Berlin Phil erano particolarmente interessanti per lei che veniva dalla Germania e aveva un padre che suona il contrabbasso principale nella Filarmonica di Essen. Los Angeles era un luogo meraviglioso e ospitava molte più attrazioni oltre all'IHS Horn Symposium – che per un quattordicenne, avendo una conoscenza diretta di quanto del mondo del cinema e della TV provenga da questa parte del mondo era un bonus aggiuntivo e uno che ha soddisfatto tutte le aspettative. LA 14 sarà un Simposio che la mia famiglia e io non dimenticherò in fretta e i miei ringraziamenti e il dovuto rispetto vanno principalmente ad Annie Bosler, con Andrew e il team dietro di lei che hanno lavorato insieme per rendere questo evento un successo così clamoroso - congratulazioni a te Tutti.
Saluti,
Frank Lloyd

ihsla4Il Simposio IHS a Los Angeles è stata un'esperienza meravigliosa. Quest'anno ero lì come membro dell'Advisory Council e non come artista ospite. Quindi per me c'è stato molto tempo per ascoltare così tanti programmi molto interessanti. Ovviamente non era possibile andare a ogni recital o concerto. Tanti bravissimi giocatori, troppi per citarli tutti. Per me è stato così bello rivedere Yu-Ting Su; per me: Tina Su. Era una studentessa durante la mia prima master class a Taiwan nel 1992. Già molto dotata e ora ha portato un nuovo CD chiamato Acquerelli. Ha suonato un ottimo recital con diversi pezzi di questo album. È bello vedere qualcuno dopo 23 anni che se la cava così bene. Alcuni concerti che devo menzionare sono stati davvero i momenti salienti del simposio. Il concerto con Arkady Shilkloper, Stefan de Level Jezierski e la fantastica Big Band di Gordon Goodwin. È un vero piacere sentire il clacson in un modo diverso da come lo sentiamo normalmente. Poi il tributo al Los Angeles Horn Club al Los Angeles Theatre. Ascoltare James Thatcher durante questo grande concerto è stato un regalo molto speciale. Il concerto all'Hollywood Bowl con la Schumann Konzertstück, interpretata da Stefan Dohr, Andrew Bain, Tim Jones e Sarah Willis, è stata una performance eccezionale. Andrew, che ha organizzato il simposio insieme ad Annie Bosler, ha fatto anche un ottimo lavoro nello stesso programma con Till Eulenspiegel di Richard Strauss. Oltre a molti grandi artisti come Julie Landsman e Jennifer Montone, sono rimasto molto colpito dal quartetto di fiati della Filarmonica di Berlino. Stefan Dohr, Andrej Žust, Stefan de Level Jezierski e Sarah Willis hanno tenuto due grandi concerti. Sono rimasto impressionato dal fatto che siano venuti come quartetto a Los Angeles dopo un anno molto impegnativo con la Filarmonica di Berlino. Una grande opportunità una volta nella vita per molti dei visitatori di ascoltare questo bellissimo ensemble: grazie Stefan, Andrej, Stefan e Sarah. Ultimo ma non meno importante, grazie ad Annie e Andrew che hanno svolto un incredibile lavoro e organizzazione per questo fantastico workshop. Potete essere sicuri, Annie e Andrew, che tutti quelli che erano lì non dimenticheranno mai questo evento, che voi due avete reso possibile per tutti noi.
Ab Koster
Amburgo, 27 agosto 2015

Il momento clou per me, a causa del luogo e dell'atmosfera, è stato il concerto all'Hollywood Bowl, For a Welshman per provare tutto questo, seguendo quello che sapevo del lavoro che Alf Brain ha fatto lì è stato fantastico. Per quanto riguarda il recital, l'interpretazione di Stefan Dohr è stata fantastica, e anche quella di Andrej Žust (questo ragazzo è un musicista – anche un buon musicista). Sara è stata bravissima, solida e affidabile sul quarto. So di essere "andato" per il BPO, ma questa volta sono stati eccezionali, meglio delle prestazioni di Londra. Non assocerò più “Nessun Dorma” a Pavarotti, ma all'ultimo “urlo” di Stefan Jezierski. ah, ah. Non sono andato molto nell'area dei bocchini e delle mostre. Il lavoro svolto da Annie era straordinario. So che Bain era nel titolo, ma la gestione quotidiana era totalmente affidata ad Annie, ed è stata superba. Il Colburn è stato una benedizione: avevamo tutto in un unico sito, tutto era così vicino e conveniente (beh, tranne l'Hollywood Bowl, il Japanese Cultural Center e il Los Angeles Theatre). Non so perché dovettero andare in altri teatri (a parte il Bowl) quando avevano i Colburn Halls? Sarà, in totale, un inferno di un Simposio da seguire. Ho detto basta adesso. ah – ah.
Cordiali saluti,
L8 (Leighton Jones)

IHSLA è stato fantastico! È stato così bello che non sono riuscito a vedere nulla che volessi fare mentre ero lì! Avevo un programma molto ambizioso: vedere la spiaggia, la Walk of Fame, Beverly Hills e forse il deserto nelle vicinanze. Invece, ho passato le mie intere giornate ad ascoltare grandi corni, nuovi pezzi, vecchi pezzi suonati in un modo nuovo, grandi discorsi, idee che hanno cambiato il mio approccio all'insegnamento e al suonare, concerti di fantastiche band, orchestre, gruppi di musica da camera e solo corno. Giocatori. Ma soprattutto ho trovato una comunità unita di persone che condividono il mio stesso amore per il suono magnifico di uno strumento musicale! Non vedo l'ora che arrivi l'anno prossimo!!!
Auguri,
Luigi Filippo Marsolais

Recensione IHS 45

di Kate Pritchett


Il tema del 45th International Horn Symposium, ospitato da Dan Phillips all'Università di Memphis, è stato "Horn and Song". Era un tema eccellente ed era evidente in ogni recital e programma di concerto al simposio e in molte altre presentazioni e conferenze.

Il campus dell'Università di Memphis è moderatamente grande e attraente. Gli eventi non si sono svolti nell'edificio della musica, ma piuttosto in due sedi che si trovavano l'una di fronte all'altra: il Michael Rose Theatre e il Centro universitario dell'Università di Memphis (unione studentesca). Il più grande Rose Theatre poteva ospitare più dei 700 partecipanti che arrivavano ma, con l'acustica meno risonante di un teatro, gli artisti hanno scoperto che avevano bisogno di suonare vicino alla parte anteriore del palco e alcuni di noi hanno scoperto che sedersi vicino al palco permetteva per una migliore esperienza acustica. Al contrario, la piccola sala del Centro Universitario aveva un'acustica molto bella ma posti a sedere limitati. Anche il piccolo pianoforte a coda in quella sala suonava bene.

I piani superiori del Centro Universitario ospitavano i reperti in diverse sale, alcune con molti espositori e alcune con uno o due. Il layout sembrava ben organizzato e c'era abbastanza tempo durante il giorno per visitare ripetutamente le mostre.

Tipico della maggior parte dei recenti Simposi Internazionali di Corno, spesso erano programmati due o tre eventi contemporaneamente, quindi tutti abbiamo dovuto selezionare attentamente fino alla singola esibizione serale. Ad esempio, la prima mattina ho scelto di ascoltare la lezione di Engelbert Schmid sull'acustica dei corni (dove ha eseguito un lavoro dopo circa 25 anni di solo fabbricazione di corni). Jeff e Nina Nelsen e Luiz Garcia hanno condiviso un recital pomeridiano che includeva opere molto belle e ben eseguite. Toreador Song di Carmen per soprano e duetto di corno potrebbe essere stato il successo dello spettacolo. Quella sera Frank Lloyd e sua moglie, Rachel Robins, e il tenore Randal Rushing hanno eseguito una varietà di opere, tra cui il raramente ascoltato Heart of the Matter di Britten.

Martedì mattina ho scelto di ascoltare la conferenza di Karl Kemm sulla storia degli ottoni e del corno, e sono stato molto contento di averlo fatto: è stata una presentazione superba con strumenti, diapositive e performance dal vivo su una varietà di antenati storici. Dopo un divertente recital dei partecipanti nella stessa sala, siamo andati a pranzo.

Ogni giorno due o tre gruppi di fiati si esibivano all'ora di pranzo nelle mense. Fortunatamente (o sfortunatamente), la programmazione e la riproduzione di questi eventi è stata molto più gustosa e fantasiosa del cibo: lo chef deve possedere un apriscatole ed essere in grado di aprire anche confezioni di verdure surgelate e far bollire il contenuto. Quando il polpettone è la star della settimana... E gli enormi bicchieri di plastica per le bibite erano quelli che il sindaco di New York stava cercando di vietare non molto tempo fa! E l'okra bollito?

Alle 1, Liz Freimuth (direttore, Cincinnati) e Jasper de Waal (direttore, Concertgebouw) hanno eseguito alcuni duetti d'opera nella prima metà del programma e Jonathan Boen (direttore, Chicago Lyric Opera) ha eseguito un'intera trascrizione degli studi per pianoforte di Scriabin. Sebbene questa fosse probabilmente troppa musica di un compositore, la sua tecnica leggendaria era ben dimostrata.

Le lezioni pomeridiane sono state ben fatte e il preludio al concerto serale è stato annunciato come il Chicago Horn Consort, che era, ma alcuni di noi hanno erroneamente previsto che parte della sezione sinfonica o operistica fosse membro. Il concerto della serata ha visto una prima parte eseguita da Eric Ruske. La presenza scenica di Ruske è stata esemplare: ha eseguito il suo intero set a memoria, ed è rimasto sul palco e ha introdotto le opere mentre il suo pianista, poi arpista, il pianista andava e veniva. Dopo l'intervallo è arrivata la prima della Cantata n. 4: Canticum Sacrum, "Canticle of Zachariah" di Robert Bradshaw con Bill VerMeulen, corno solista, anche con un solista vocale, archi, quartetto di corni, percussioni e tromba fuori scena (eseguita da Mark Boren che ha commissionato il lavoro). Complimenti a Bill e al quartetto di fiati per aver azzeccato le parti!

Ogni giornata è iniziata con una sessione di riscaldamento con vari insegnanti, seguita da una selezione di conferenze, recital e/o corsi di perfezionamento. Tendevo ad andare ai recital dove potevo spesso ascoltare nuova musica (per me). Almeno 20 opere sono state presentate in anteprima durante il simposio!

La recitazione di canzoni di Joan Watson che mia madre mi ha insegnato quel pomeriggio è stata piacevole. Dopo aver letto la sua biografia nel libretto del programma, mi aspettavo che la presentazione fosse più sostanziale.

Il resto del pomeriggio e della sera è stato occupato da una gita alla partita di baseball della lega minore dei Redbirds, dove un gruppo di circa 200 cornisti ha eseguito l'inno nazionale. A seguito di questo è stato un barbecue e il gioco guardato dall'alto in tribuna al di fuori del terzo basso. Fortunatamente, la partita non è andata in inning extra (i Redbirds hanno perso nell'ultimo inning). Il viaggio è stato divertente per tutti, anche se personalmente mi aspettavo che le costolette alla brace fossero più eccezionali.

I momenti salienti di giovedì hanno incluso un recital pomeridiano con i cornisti Abel Pereira e Jasper de Waal. Un fagottista della facoltà si è unito a Pereira nei lavori per i due (con pianoforte). Pereira è un giocatore meraviglioso ma la letteratura non ha mostrato molto bene le sue capacità. L'esibizione del Brahms Trio di Jasper de Waal è stata il momento clou della settimana (così come il suo Concerto n. 3 di Mozart nel corso della settimana).

Il prologo del concerto serale è stato un'esibizione di mezz'ora dei Quattro corni dell'Apocalisse, la cui presentazione ben oliata e divertente è valsa loro una standing ovation. Il concerto successivo è stato "unico". Angela Barnes, secondo corno della London Symphony ha presentato un'esecuzione molto solida di diversi standard a memoria. La successiva esibizione con un coro maschile e un quartetto di corni della Memphis Symphony è stata piacevole. Il lavoro finale della serata, la prima di Walden at Evening per coro, corno solo (Boen) e percussioni di Pamela Marshall è stato ben accolto; Non sono sicuro che verrà mai eseguita di nuovo, ma la prima è stata molto ben preparata ed eseguita da tutti.

Il recital del venerdì pomeriggio ha caratterizzato la musica di Eric Ewazen, che era presente, ha diretto le sue opere e ha condotto discussioni sui compositori durante la settimana. La natura allegra di Ewazen è contagiosa! Bruce Richards si è esibito con la tuba di Wagner in quel recital e abbiamo sentito un quartetto di fiati che aveva vinto un premio IHS Commissioning Assistance. Questo è stato un recital interessante.

Il concerto del venerdì sera è stato progettato per essere il picco artistico della settimana e lo è stato. Dopo una bella esecuzione dell'Ouverture to Semiramide di Rossini è stata la prima di un concerto per corno di Tinoco, con Abel Pereira come solista e abbiamo avuto modo di ascoltarlo per la prima volta. C'era In Memoriam Dennis Brain di Britten eseguita da The Four Hornsmen of the Apocalypse. Un trio di corno (Boen, Luff, Watson) ha eseguito il recitativo "Abscheulicher" di Beethoven e l'aria di Fidelo con soprano. Dopo l'intervallo abbiamo ascoltato due meravigliose esecuzioni del Concerto n. 3 di Mozart (de Waal) e della Serenata di Britten (direttore della Lloyd and School of Music, Randal Rushing, tenore).

Gli eventi finali del sabato mattina hanno incluso l'annuale assemblea generale dell'IHS, circondata da riscaldamenti guidati, conferenze e un recital di artisti. Il pomeriggio è stato il momento dei cori partecipanti diretti da Nguyen e Faust, nonché di una “All-Star Horn Big Band” diretta da Matlick. Dopo un preludio del coro di corno della Florida State University, la "performance" serale doveva essere un divertente evento di partenza con il Prof. IM Gestopftmitscheist (Kendall Betts) e compagnia in "prime mondiali", inclusa la musica di Otto Fisch (introdotto per la prima volta al Simposio di Manchester, Regno Unito) e una visita a sorpresa di Elvis. Diciamo solo che il Corno della Florida State University è stato il momento clou della serata.

Grazie a Dan Phillips per aver organizzato un meraviglioso Simposio e ai suoi studenti che l'hanno fatto funzionare senza intoppi. Un ringraziamento speciale a tutti i musicisti collaborativi (pianisti, cantanti, strumentisti) che hanno contribuito con il loro tempo e l'eccellenza musicale a rendere le esibizioni di prim'ordine.

IHS 46 - Londra, 2014

con albertoÈ difficile scrivere un resoconto del Horn Symposium: ci si aspetta delle esibizioni e delle mostre, ma c'erano gli odori e i panorami estranei al Symposium (una Ferrari placcata in oro) e le conversazioni non programmate a colazione, in un corridoio, o anche, questo anno, in un pub. Raggiungere l'Imperial College di Londra è stato difficile per molti: la lunga passeggiata attraverso l'aeroporto di Heathrow, le linee più lunghe per il biglietto della metropolitana e poi l'escursione dalla stazione di South Kensington al sito. All'arrivo, tuttavia, abbiamo trovato le strutture nelle immediate vicinanze. L'Imperial College, la struttura che Jonathan Stoneman ha scelto per il Simposio, non è una scuola di musica ma una scuola tecnica, quindi le sale per le esibizioni erano grandi aule: Jonathan ha comprato abbastanza cavalletti per un'orchestra! Anche se la sede potrebbe non essere stata l'ideale per un convegno musicale, era eccellente per un facile accesso a mostre, una sala da pranzo, dormitori e aule.

Il tempo era fresco, pioveva un po' e le stanze del dormitorio erano piccole ma confortevoli. La colazione veniva consumata in una grande sala da pranzo con studenti e partecipanti a diverse conferenze: il cibo era lo stesso ogni mattina ma c'era una buona varietà e molto da mangiare. I partecipanti IHS potrebbero acquistare un pacchetto pasto o provvedere a se stessi per pranzo e cena. Con una piccola ricerca, si potrebbe trovare cibo sia costoso che molto ragionevole nella zona.

Il Simposio si è aperto lunedì mattina 11 agosto con i cori di corno della Royal Academy of Music e della Royal Northern Academy che si sono esibiti sia insieme che separatamente in un divertente concerto. Il primo recital pomeridiano ha visto Andrew Pelletier e Richard Watkins suonare solo nuove opere, tutte difficili ma ben eseguite. La sezione fiati della New York Philharmonic ha poi suonato arrangiamenti di brani pop e show americani (arrangiamenti di tromboni trascritti per fiati). Poiché quel recital è durato a lungo, molti di noi hanno perso la seguente intervista e una presentazione di John Cox (Oregon). Alle 4:5 il quintetto di corno della Filarmonica di Bergen ha eseguito arrangiamenti di musica norvegese seguito dall'American Horn Quartet che ha eseguito il Terzo Quartetto di Turner e l'arrangiamento di West Side Story. Seguono gare d'insieme. Il concerto serale dei BBC Proms ha visto la partecipazione della BBC National Orchestra of Wales – molti partecipanti al Simposio hanno partecipato a quel concerto in piedi con molti che si sono uniti alle centinaia in piedi di fronte all'orchestra per £ XNUMX!

Ogni mattina iniziava con un riscaldamento e consigli su come testare le corna di un medico diverso: martedì c'era Eli Epstein. Docenti simultanei sul Alexander La tecnica di Kerin Black e la tecnologia nell'esecuzione e nell'insegnamento di Lydia van Dreel sono state presentate alle 10 del mattino. L'esibizione delle 11:11 della Japan Horn Society, dell'Horn Pure (Thailandia) e della Mallet Horn Jazz Band è stata spostata in un'aula più piccola, così tanti si sono fermati nei corridoi posteriori e laterali. Per molti, il momento clou di tre belle esibizioni è stato Horn Pure, un gruppo di otto membri di giovani cornisti thailandesi che hanno eseguito un repertorio difficile con precisione, accuratezza e la sensazione di divertirsi. Nick Smith ha tenuto una conferenza sull'influenza europea delle sezioni di fiati americani a mezzogiorno, a cui si è sovrapposta l'esibizione delle 1 del mattino. Allo stesso tempo, Ian O'Brien ha parlato dei danni all'udito dei suonatori di corno. L'esibizione alle 3 è iniziata con due brani solisti eseguiti da Dylan Hart (LA), seguiti dal brasiliano Radegundis Travares che ha eseguito brani al pianoforte dei compositori del suo paese. Quell'”ora” si è conclusa con una spettacolare esibizione del Budapest Festival Horn Quartet – un punto culminante importante secondo l'opinione di questo recensore. Alle 4 si poteva scegliere tra una master class di Spanish Brass sul quintetto o una lezione sull'influenza di Louis Dufrasne sugli Stati Uniti di Jeroen Billiet. Alle 2:XNUMX abbiamo ascoltato tre opere per corno e orchestra da camera dirette da Michael Thompson: Alec Frank-Gemmill ha reso meravigliosamente la Romanza di Butterworth, Ab Kostser ha eseguito un impeccabile Concerto n. XNUMX di Mozart e Frank Lloyd ha concluso con una brillante esecuzione di Gordon Jacob Concerto. Sfortunatamente, Zdenek Divoky era malato e non poteva esibirsi. In seguito a quel recital Jeff Nelsen ha presentato la sua conferenza su Fearlessness. Il concerto serale della BBC Proms è stato ancora una volta con la BBC National Orchestra of Wales che ha eseguito la musica di Peter Maxwell Davies, Walton e Sibelius.

Il mercoledì si è aperto con un altro warm-up con Ilene Chanon, seguito da una lezione sul Sound Concept viennese con Gergely Sugar, contro un altro Alexander Sessione di tecnica con Black. Poiché Zdenek Divoky era malato, il duo ceco-americano con Steven Gross non è stato in grado di esibirsi al concerto delle 11:1899, ma l'ensemble di corno del South Queensland è intervenuto con un lavoro contemporaneo seguito dall'interpretazione dell'American Horn Quartet della Sonata di Tippett. A mezzogiorno c'erano tre conferenze simultanee di Engelbert Schmid (acustica e artigianato), Tiffany Damicone (suono cantato bohémien) e Vincent Andrieux (corno francese dal 1929 al 1). Il recital delle 2:2 ha visto la partecipazione dei due eccellenti vincitori del Concorso Hawkins, Ana Beatriz Menezes e László Gál. Un Japan Horn Ensemble ha poi suonato Bridge of Dreams di Eric Ewazen (con il compositore presente), seguito dal Jim Rattigan Trio (corno, violino, pianoforte) eseguendo brani dal suo ultimo CD jazz. C'erano due eventi alle 3:4 e se non sei riuscito a partecipare all'Horn Hangout di Sarah Willis con Terry Johns entro le 45:7, è stato trasmesso in streaming senza di te. Randy Gardner ci ha ricordato i fondamenti della nostra pratica alle 30:447. Il recital delle XNUMX:XNUMX è stato di nuovo spettacolare con gli Spanish Brass che hanno eseguito una pletora di musica di tutti i generi in oltre XNUMX minuti dalla memoria, e Trompas Lusas, che ha cantato a squarciagola un incredibile assortimento di quartetti. Alle XNUMX:XNUMX è stata eseguita una commedia in un atto unico ispirata al libro di Jasper Rees. L'unico attore, Jonathan Guy-Lewis, ha fatto un lavoro eccezionale con tutti i tipi di umorismo "in" corno e ha effettivamente eseguito il secondo e il terzo movimento del Concerto di Mozart, K. XNUMX come potrebbe aver fatto Rees, migliorando man mano che andava avanti. È stata una performance eccezionale e commovente.

Giovedì è iniziato con un riscaldamento guidato con Martin Lawrence o con una conferenza di Randall Faust sulla storia dell'IHS Composition Contest. Alle 10 John Humphries ha tenuto una conferenza sui suonatori di corno del XIX secolo a Londra contro un altro Alexander Presentazione tecnica di Black. L'esibizione delle 11 è stata purtroppo spostata in un luogo che non poteva ospitare la folla. Qui un gruppo di trompes-de-chasse guidati dal presidente della British Horn Society Chris Larkin ha eseguito opere del Dampiere e del Kling. L'ensemble Mengal dal Belgio ha poi eseguito gli ottetti per sei corni naturali e due tromboni di Mengal tra un grande applauso. La virtuosa del corno naturale Anneke Scott ha suonato per ultima a causa del fatto che il suo treno era in ritardo quella mattina. Non ha deluso con un'esecuzione impeccabile di variazioni su una melodia di Donizetti per corno e pianoforte. Quando ha scoperto che l'ultima pagina mancava dal suo stand, si è girata e ha letto dalla parte del pianoforte: quelli di noi abbastanza vicini sono stati trattati per un esotico display a mano nella sua campana. L'ora di mezzogiorno includeva un'altra presentazione di Eli Epstein sul "respiro con le dita" di fronte a una serie di interviste durante la settimana di Tony Catterick. Sfortunatamente Anthony Halstead non ha potuto partecipare a causa di una malattia. Alle 1 abbiamo ascoltato duetti di fiati con Anneke Scott e Joseph Walters, ancora il gruppo di musicisti britannici, questa volta ai corni viennesi, eseguendo opere di Weber. Jean-Pierre Dassonville ha eseguito un Intermezzo di Dupont su uno strumento a sei pistoni realizzato da Adolphe Sax – impressionante! Allo stesso modo è stata l'esecuzione del Quartetto per quattro corni in quattro chiavi di Gallay guidato da Anneke Scott: geniale! Alle 2 c'è stata una conferenza di Jeffrey Snedeker sul Conservatorio di Parigi del XIX secolo seguita alle 3 da una master class con Anneke Scott o da un panel guidato da Daren Robbins sulle carriere alternative nella musica. L'esibizione delle 4:5 è iniziata con Jeffrey Snedeker che ha suonato il Concertino di Weber al corno naturale seguito dall'Ensemble Mengal, questa volta che ha eseguito su strumenti a pistone la musica di Ryeland e Dubios – molto impressionante. Alle 7:XNUMX c'è stato un duetto spensierato di Sarah Willis e Klaus Wallendorf della Filarmonica di Berlino che pubblicizzavano il loro nuovo CD. La British Horn Society ha tenuto il suo incontro generale annuale tra la presentazione del duetto e il concerto dell'orchestra delle XNUMX:XNUMX. Questo concerto è iniziato con il concerto di Amburgo di Ligeti, raramente ascoltato, eseguito da Andrew Pelletier, seguito da Richard Watkins in un'esecuzione del concerto di Colin Mathews. L'ultimo lavoro in programma è stata una travolgente interpretazione della Konzertstück di Schumann con la sezione fiati della New York Philharmonic. Il concerto dei Proms quella sera includeva opere di Sibelius, PM Davies e Bridge, eseguite dalla BBC Philharmonic.

Il corista di riscaldamento di venerdì è stato Tim Thorpe della BBC Wales Orchestra, seguito dalle conferenze simultanee di Peter Kurau (Transference Learning) e Kerin Black (Alexander Tecnica). Il recital delle 11 comprende Bernardo Silva, Rose French e il Budapest Festival Horn Quartet. Il quartetto ha eseguito i Concerti di Schneider e Hübler per quattro corni. A mezzogiorno un quartetto della Filarmonica di Berlino ha eseguito spensierati quartetti arrangiati principalmente da Wallendorf, per il divertimento del pubblico. Quel concerto è iniziato e si è concluso tardi, quindi anche il picnic all'Albert Memorial di Kensington Park, a una decina di minuti a piedi dall'Imperial College, è iniziato tardi. C'è stata un'esecuzione rapida della Liberty Bell March per solisti e coro di corno ammassato (musica agganciata ai cordini per la lettura della persona dietro). A causa di nuvole scure e un po' di pioggia, il concerto è stato chiamato dopo circa 10 minuti. Mentre i partecipanti consumavano un pranzo al sacco, si sono esibiti Horn Pure dalla Thailandia e due quartetti, uno dal Texas meridionale che aveva vinto la competizione per quartetti. Il Simposio si è concluso con Tim Thorpe che si è esibito con il pianoforte, il coro di corno del South Queensland, e poi il Budapest e l'American Quartets che si sono uniti per due opere di Kerry Turner, terminando con Bronze Triptych di Turner per 12 corni e percussioni. L'assemblea generale dell'IHS è seguita dalla BBC Scottish Symphony al Proms, concludendo la giornata con un travolgente Ein Heldenleben.

Grazie a Jonathan Stoneman per una settimana superba, ben pianificata e ben eseguita. Perchè è un bravo ragazzo!

Rapporti dal 43° Simposio Internazionale di Corno

Vista da un insegnante

Questo è stato il mio primo simposio internazionale di corno; ecco alcune mie impressioni.

Mostre: una varietà di letteratura e materiali didattici era disponibile presso le mostre. Sono stato fortunato a trovare un bancomat nelle vicinanze, perché non tutti i venditori sono stati predisposti per accettare carte di credito.

Uno dei tanti libri utili per l'insegnamento che ho scoperto era un tesoro di sette pagine, Fprime legature labiali per corno, del Dr. Howard Hilliard (Cornocopia Press). I miei studenti principianti e intermedi ne stanno traendo vantaggio perché insegna contemporaneamente l'uso dell'aria, la gamma media e bassa, gli arpeggi, le capacità di ascolto e i concetti del corno naturale. I modelli includono alcuni che includono salti di un sesto che richiedono un uso corretto dell'aria mentre offrono l'allenamento dell'orecchio. Questi esercizi servono anche come introduzione alla trasposizione, poiché ogni pattern viene ripetuto in combinazioni di valvole discendenti sul corno F.

Workshop: BE: The Balanced Embouchure Method, presentato da Valerie Wells con Stephen Park. Questo workshop ha presentato un approccio allo sviluppo dell'imboccatura che era nuovo al 100% per me. Valerie e Stephen hanno dimostrato gli esercizi da vicino e personalmente, il che era essenziale perché non avevo idea che fosse legale o possibile, figuriamoci vantaggioso, fare cose così strane con una faccia. Avevo solo due scelte: considerarli matti o provarci. Date le straordinarie dimostrazioni di Valerie di produrre toni altissimi, pianissimo, puri dal nulla, e dato il suono meraviglioso e la sicurezza di Stephen come esecutore (cerca Steve Park per trovare alcune adorabili performance video), ho scelto quest'ultimo. E infatti, gli esercizi BE non richiedono il temuto "cambiamento di imboccatura" ma portano a un miglioramento dell'imboccatura in tutti i registri. Raccomando il loro sito web (beforhorn.blogspot.com) come fonte di informazioni per coloro che non partecipano al workshop.

Interpreti e spettacoli memorabili: l'interpretazione di Frank Lloyd di JS Bach Toccata e fuga in re minore. Non avevo idea che questo tipo di agilità senza sforzo fosse possibile! Senza compromettere il tempo o l'accuratezza, in qualche modo ha suonato l'intera gamma dell'organo. Sbalorditivo!

L'interpretazione di William VerMeulen di Steamboat Stomp. Ha avvertito il pubblico che stavamo per vivere una corsa divertente e selvaggia. Che spasso!! Si stava chiaramente divertendo quanto noi.

Gail Williams, corno, e Benjamin Ring, percussioni, di Alec Wilder Suite solista per corno e percussioni improvvisate. L'affascinante e artistica collaborazione tra la straordinaria ed esperta Gail Williams e questo percussionista fantasioso e posato di 13 anni è stata qualcosa da vedere. Credo che siamo stati tutti toccati sia a livello artistico che umano.

Gail Williams e Nicole Cash, con ottimi archi, Beethoven's Sestetto in mi bemolle Operazione. 81b. Abbiamo tutti praticato le parti del corno per questo lavoro. Si può solo immaginare che un fattore nell'intonazione perfetta e nell'equilibrio tra i due interpreti del corno sia stato che Nicole è un'ex studentessa di Gail (così come di William VerMeulen).

CD: Un CD per farti entrare nell'atmosfera per il 44° Simposio IHS in Texas il prossimo maggio: Texas Horns presenta 12 suonatori di corno delle Orchestre Sinfoniche di Dallas e Houston, inclusi tre degli artisti presenti a questo simposio. Il repertorio spazia da Samuel Barber a Thad Jones e, manco a dirlo, il livello delle prestazioni è al top. Crystal Records CD774

Conclusione: incoraggio vivamente i lettori a prenotare le date per il 44th International Horn Symposium, 15-19 maggio 2012 presso l'Università del North Texas a Denton.

- Jane Swanson, insegnante in pensione che insegna privatamente e suona il corno a San Luis Obispo CA

Sessioni amatoriali

"Amatoriale" è il termine migliore per le nostre sessioni sulla creazione di musica comunitaria? Un termine più adeguato, credo, potrebbe essere "musicisti di comunità". La parola "dilettante" porta uno stigma. "Entusiasta" è un'altra etichetta che è stata proposta.

I gruppi comunitari a Tucson, in Arizona (casa mia) servono a molti scopi e sono importanti per il tessuto della comunità e per il divertimento dei residenti e dei visitatori. Credo che questi gruppi comunitari siano preziosi e che le sessioni sulla creazione di musica comunitaria o sui dilettanti siano una componente molto necessaria nei workshop IHS. La partecipazione alle sessioni di San Francisco è stata alta e spero in altre sessioni nei futuri simposi.

La prima sessione è stata una master class con Nicole (Nikki) Cash, corno principale associato della San Francisco Symphony. Nikki ha iniziato affrontando questioni pratiche per i suonatori di corno che hanno lavori giornalieri; principalmente l'evidente mancanza di tempo di pratica, dove e come trovare anche una decina di minuti circa. Nikki, con un grande senso dell'umorismo, ha tenuto a sollecitare diversi brevi periodi di pratica, che includevano il ronzio del microfono in macchina insieme ai brani alla radio, alla scrivania, ecc., invece di due ore lunghe o più sessioni a fine giornata, dopo una giornata di lavoro, che possono essere o meno disponibili in termini di tempo e/o energia. Brevi stint consentono il recupero muscolare e della concentrazione. Nikki si chiedeva se si potesse davvero concentrarsi per un periodo di tempo più lungo e si preoccupava dell'energia e dell'uso eccessivo dei muscoli. La visualizzazione può essere un ottimo strumento e può essere praticata senza il clacson. Se hai solo mezz'ora per esercitarti, ti consiglia 5-10 minuti per il riscaldamento, quindi 20 minuti di studi o di repertorio.

Ronzare un bocchino con un tono reale e un'articolazione uniforme è diventato una parte molto più suggerita del riscaldamento e dell'accumulo dell'imboccatura. In questa sessione, con il corno principale della Boston Civic Orchestra, Kerry Thompson, che ha suonato il Notturno da Midsummer's Night's Dream di Mendelssohn, un breve periodo di brusio ha chiarito il tono e l'approccio al corno, come è successo ogni volta che ho osservato questa tecnica di insegnamento in un simposio. Nikki ha portato Kerry a uno stile di gioco più calmo con il suo approccio coinvolgente di "respirare come un mantice" e ronzare.

La seconda volontaria, Emily Craparo, un ingegnere aeronautico di stanza presso la Naval Postgraduate School nella vicina Monterey, ha suonato il famoso assolo della Sinfonia n. 5 di Tchaikovsky. Nikki ha suonato insieme a Emily dopo la prima volta ed è riuscita in un breve periodo di tempo per liberare il gioco di Emily. Nikki ha fatto emergere problemi di postura e uso dell'aria e si è complimentata con Emily per la scelta del materiale. Ha raccomandato di articolare le semiminime puntate come tre crome durante la pratica per mantenere il ritmo costante durante le misure rubato.

Nikki sostiene di prendere la quantità di aria necessaria, non una quantità eccessiva, per produrre una frase musicale. Suonare musicalmente è stata una frase coerente in questa master class.

Chiaramente questi due individui volevano imparare. Sembra il caso che con più di un partecipante a una master class che il primo partecipante riceva spesso la maggior parte dell'energia e del tempo effettivo nella sessione, e di solito è il più istruttivo, e in una certa misura questo era vero qui.

Nikki è un'insegnante scrupolosa ed energica, oltre che un'esecutrice impeccabile. Impartisce divertimento e tecnica con urgenza, che penso sia di grande valore per la persona che ha un lavoro quotidiano ma è entusiasta di giocare bene, non importa l'ora o il luogo. Le capacità rivitalizzanti è stato ciò che ho osservato con lei. Lo ha fatto con non eccessiva sicurezza ma con incoraggiamento positivo, facendo desiderare al musicista di fare immediatamente ciò che è stato suggerito ... ronzando, usando l'aria e immaginando l'azione del mantice di una fisarmonica o della griglia del barbecue, estendendo le braccia verso l'esterno e poi verso l'interno. Ho sentito che era un forte segnale visivo per tutti. Come membro del pubblico, sembrava divertente e davvero vitale far parte delle istruzioni di Nikki.

La seconda sessione ha visto un panel con Bill Scharnberg e Mike Hatfield, moderato da Marilyn Kloss. Le dispense di Bill includevano un modulo per guidare il pensiero su dove si era in termini di musicalità e dove si voleva essere tra cinque o dieci anni. La sessione è iniziata con Bill che ha chiesto al pubblico di cosa volesse discutere, il che purtroppo ha portato a una discussione tortuosa. Sentivo che le dispense, se fossero state usate, avrebbero migliorato l'inutile discussione, ma sono state usate solo come un fugace riferimento.

Marilyn ha chiesto suggerimenti per future sessioni "amatoriali". Ho suggerito di chiedere a un direttore dell'ensemble comunitario dell'area di Denton TX (sede del simposio del prossimo anno) di affrontare i bisogni e le lotte dei gruppi comunitari. I gruppi musicali comunitari hanno anche personale ausiliario che fa avanzare la vita musicale del gruppo; ad esempio webmaster, artisti per volantini, raccolte fondi, coniugi che fungono da uscieri, ecc. Forse uno di questi individui potrebbe condurre o partecipare a una sessione.

- Barbara L. Chinworth, rappresentante dell'area dell'IHS Arizona ed editore di Horn on the Range

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente, incluso lo stato di accesso. Utilizzando il sito accetti l'utilizzo dei cookie.
Ok