Benvenuto ospite

di Pete Exline

Ho esaminato i suonatori di corno europei per i loro stili di gioco, attrezzatura e imboccatura come progetto durante un congedo sabbatico nel 1964-65 da quella che ora è conosciuta come la Eastern Washington University. L'obiettivo dello studio doveva essere le caratteristiche nazionali del suono del corno in alcuni paesi europei. Avevo pensato a questo progetto per diversi anni e avevo sondato varie persone circa le loro opinioni sulla giustificazione di tale impresa.

Il presidente del dipartimento di musica era positivo, ma il presidente del college, che non era incline alla musica, non ne era sicuro. Mi ha chiesto di fornire lettere di sostegno da autorità riconosciute. Avevo parlato con Philip Farkas per la sua opinione ad Aspen. Ha pensato che fosse fantastico, ha suggerito alcune idee e ha scritto una lettera di sostegno al presidente. Anche Bob Elworthy e Max Pottag hanno scritto lettere di supporto.

La Royal Philharmonic era in tournée a Seattle e io sono andato al concerto. Ho cercato Jim Brown, il primo corno, e gli ho parlato brevemente della mia idea. Sembrava interessato e pensava che fosse un approccio promettente. Per fortuna, quando sono tornato al mio hotel, ho scoperto che l'orchestra stava nello stesso hotel. La maggior parte dell'orchestra si era trasferita al bar, e lì ho avuto una lunga discussione con Jim Brown insieme a qualche drink e una serata molto piacevole. A causa del viaggio europeo dell'orchestra, Jim conosceva molti dei musicisti e di quelli che parlavano inglese, e mi è stato di grande aiuto nell'elaborazione di un piano.

pxlin in furgone
Wendell L. "Pete" Exline nel suo furgone VW, 1965

La mia missione fu approvata e nel giugno del 1964 volai da Spokane a Francoforte e presi in consegna un camper Volkswagen che avevo ordinato, quindi iniziai la mia odissea nel mondo del clacson con la prima tappa a Firenze, in Italia, dove avevo intenzione di prendere un corso di italiano

I concerti estivi si svolgevano nel cortile di Palazzo Pitti, e fu lì che conobbi Giuseppe Bianchini, il primo corno. Parlava abbastanza bene l'inglese e suonava a Shanghai negli anni '1930, e quando Paul Meng scrisse i suoi articoli in The Horn Call riguardo alla storia del corno cinese, ho scoperto che Bianchini era uno dei suoi maestri.

La routine era la seguente. In primo luogo, avevo scelto cinque brani che ritenevo potessero rappresentare le aree su cui volevo indagare. Erano la quinta ajkovskij, la Sinfonia n. 5 di Brahms, l'ouverture di Rossini al barbiere di Siviglia, la Strauss Till Eulenspiegel e la Ravel Pavane per una principessa morta.

In secondo luogo, ho usato la mia fotocamera Rolleiflex per fotografare ogni musicista da varie angolazioni, comprese le posizioni delle mani, l'imboccatura con un anello per il boccaglio e l'attrezzatura. Traugott Rohner aveva incluso un simposio sui bocchini in ottone in un numero del 1952 di Lo strumentista. Aveva ideato un sistema di misurini per bocchini, ed è quello che ho usato per misurare i bocchini per corno dei partecipanti.

Il terzo era un modulo informativo per raccogliere informazioni su ciascun giocatore. Alcuni dei moduli compilati non contengono molte informazioni!

Le registrazioni su nastro sono state effettuate su un Uher 4000 Report S. Questo era un registratore portatile di alta qualità disponibile all'epoca. Un mio amico me ne ha regalato uno a un buon prezzo in uno scambio postale a Wiesbaden. È una macchina a quattro velocità con la velocità più bassa di 15/16 IPS, soddisfacente per il parlato e 7 1/2 IPS per la musica. La registrazione dei brani non richiedeva più di qualche minuto e poi rimaneva un sacco di tempo sul piccolo nastro per conversare.

Per tornare alla prima sessione a Firenze con Bianchini, il nastro è stato registrato a casa sua, e che essendo una famiglia italiana c'è un sacco di rumore estraneo sul nastro di bambini che piangono e Vespe che rombano per la strada sottostante. Non era certamente un buon posto per registrare. Questa sessione ha avuto luogo il 7 luglio 1964.

Da Firenze sono andato a nord a Londra, ma non ho fatto i giocatori di Londra in quel momento. Da Londra sono andato a Edimburgo per il festival e ho assistito a un'esibizione dell'Opera Nazionale di Praga dove sono riuscito a prendere il primo corno prima che alla fine lasciasse la fossa. Ho scoperto in questo progetto che i suonatori di corno sembrano uscire presto dalla fossa! Il primo corno fu Josef Bartl. Non parlava inglese e non era nella mia prima lista da includere. Tuttavia, gli ho fatto capire che avevo programmato di essere a Praga tra circa tre settimane e che mi sarebbe piaciuto registrarlo per il progetto.

Per caso il mio camper VW era parcheggiato di fronte a un ristorante cecoslovacco a Edimburgo, e mentre ci stavo entrando ho notato diversi musicisti dell'orchestra che camminavano per la strada. Erano interessati a vedere il mio camper. Sembrava che stessero tenendo i loro strumenti al piano di sopra del ristorante. Ho suggerito di bere una birra. Erano titubanti perché non avevano soldi! Questo naturalmente era nel vecchio regime comunista. Ho detto loro che avrei comprato! Si illuminarono tutti e noi entrammo. Ci dissero che non potevamo servirci birra a meno che non fosse stato acquistato del cibo. Ho guardato il menu e ho scoperto che la cosa più economica sul menu era il minestrone (in un ristorante ceco?). Ho ordinato una ciotola e una birra per ognuno di noi.

Un clarinettista parlava un buon inglese, e un percussionista che parlava un po', e un suonatore di archi non parlava nessuno. Ci siamo divertiti e alla fine ho tirato fuori il registratore e l'ho messo sul tavolo, ma non ho idea di dove sia quel nastro. Avevo spiegato loro che intendevo essere a Praga entro poche settimane. Visto che stavo pagando la festa al ristorante, mi hanno detto che quando sarei venuta a Praga non avrei pagato niente! Questo si è rivelato vero e ho avuto un intrattenimento meraviglioso quando sono arrivato a Praga.

Avevo appurato dal partito che Bartl, il cornista, non era molto benvoluto e credo che fosse una situazione politica con i comunisti. Tuttavia l'ho contattato a Praga e ho preso accordi per la registrazione e l'intervista. Ci siamo incontrati e siamo andati nella sala dell'orchestra nel seminterrato del Teatro Tyl, quella dove è stato eseguito per la prima volta il Don Giovanni di Mozart. Le persone erano più piccole allora e il soffitto nella sala dell'orchestra era piuttosto basso. La sessione di registrazione è stata un fallimento. Per qualche ragione, il nastro che ho usato era un po' troppo spesso per la registrazione e causava gravi interferenze con la velocità. Abbiamo provato più volte a farlo e niente ha funzionato. Non avevo un altro nastro da usare. Per tutte le bobine piccole ho usato del nastro che avevo avvolto da bobine da 7 1/2 pollici. In qualche modo lo spesso nastro adesivo era entrato nel gruppo. Stavo tornando da Praga a Monaco, dove è stato realizzato il registratore e l'ho fatto riparare, ma la sessione di Praga era impossibile da ripetere. Ho ricevuto le foto e alcune informazioni. Dato che Bartl sembrava non parlare inglese, dovevamo andare d'accordo in tedesco. La sessione ha avuto luogo il 12 settembre 1964.

Da Monaco sono andato a Salisburgo per l'incontro della Società Internazionale di Musicologia. Dato che i Wiener Philharmoniker erano presenti per il festival, sono stato in grado di contattare Roland Berger per prendere accordi per vederlo quando sono arrivato a Vienna. È stato il 29 settembre che sono andato nel suo appartamento dove faceva da babysitter mentre sua moglie era nel balletto per una rappresentazione dell'opera di Verdi. Palla mascherata nell'Opera. Lo sfondo del nastro qui include il pianto del loro bambino! Era tardi e dopo diverse birre che abbiamo fatto la registrazione. La mattina dopo partii per Trieste presto e mentre stavo scrivendo la roba di Berger, ascoltai la registrazione e scoprii che aveva suonato il Ravel in Fa e non in Sol, come scritto. Non aveva mai suonato al Ravel prima. Immagino che le birre non me lo abbiano fatto prendere.

digitazione pxlin
Svernamento in Sicilia

Nessuna intervista arrivò fino alla primavera successiva. Ho lasciato Vienna e ho girato nei Balcani e poi in Grecia e Turchia prima di andare a Roma e poi in Sicilia dove ho passato l'inverno a Taormina lavorando sugli appunti per il corso universitario di storia della musica che insegnavo.

La successiva intervista al corno fu a Roma con Domenico Ceccarossi il 10 marzo 1965. Andai nel suo appartamento. Era molto amichevole. Parlava poco inglese, ma abbiamo registrato. Voleva che tornassi quando suo figlio, che lavorava per Alitalia, potesse essere lì e fare da interprete. Sono andato di nuovo il 14 marzo. Un altro nastro conteneva principalmente conversazioni. Il figlio in realtà non ha aiutato molto. Avevo acquistato i suoi libri da Ricordi. Non avevano le sue registrazioni e mi ha dato un biglietto da dare all'uomo Ricordi di Milano per farmi uno sconto sui suoi dischi. Mi è piaciuto il tempo passato con Ceccarossi.

Dall'Italia sono tornato a nord e ancora una volta a Londra. Avevo scritto a Barry Tuckwell e lui mi stava aspettando quando ho chiamato il 15 aprile 1965. È venuto a prendermi e mi ha portato nel suo appartamento. Abbiamo fatto l'intervista e la registrazione lì. Abbiamo pranzato con la sua prima moglie e il suo bambino. Poiché sul mio camper VW avevo un robusto portapacchi a tutta lunghezza, mi ha chiesto se potevo andare con lui in un negozio di cornici dove aveva incorniciato un Tanka (un dipinto religioso tibetano) e potevamo portarlo a casa sopra il bus. Era piuttosto pesante, ma ce l'abbiamo fatta consegnare. L'aveva comprato in India da alcuni tibetani che l'avevano portato come profughi dalla Cina. Le foto che ho scattato a Barry sono molto diverse dal Barry di oggi!

Il giorno seguente (16 aprile) sono andato a casa di Jim Brown. Era come averlo visto ai vecchi tempi a Vancouver quando era in tournée con la Royal Philharmonic. Abbiamo fatto una bella cena e dopo la cena abbiamo finalmente fatto la registrazione. Penso che i drink dopo cena abbiano in qualche modo influenzato la registrazione. Era tardi quella notte che tornai a casa a Londra. Jim Brown non ha mai avuto la fama che hanno avuto Barry e Civil, ma penso che fosse loro pari.

Sono andato a casa di Alan Civil il 25 aprile. Shirley non se lo ricorda, ma ero lì e ho fatto delle foto ai loro figli. Alan ha suonato i brani e abbiamo bevuto molta birra durante la serata. Forse è per questo che le note che ho su di lui sono molto scarse!

Ho passato il pomeriggio del 30 aprile con Reginald Morley-Pegge. È stato un periodo delizioso. Mi ha mostrato la sua collezione di corna, che aveva in un capannone sul retro della casa. Barry mi aveva suggerito di parlare con lui, e sono molto contento di averlo fatto. Peg suonava in Francia ed era di scuola francese. Non ha tentato di riprodurre gli estratti per me.

Lasciai Londra poco dopo e andai in treno ad Amsterdam dove avevo organizzato un incontro con Adriaan van Woudenberg, primo corno della Concertgebouw Orchestra. Abbiamo registrato sul palco del Concertgebouw il 2 maggio. Mi sembrava strano essere sul palco da solo dove avevo sentito l'orchestra nei precedenti viaggi europei.

pxlin ad atene
con amici incontrati per strada, in una taverna di Atene

Bob Elworthy mi aveva dato una lettera di presentazione ad Adriaan, quindi c'era una connessione personale. Mi sono organizzato per lasciare il mio camper parcheggiato davanti alla casa di Adriaan e poi sono andato in treno a Mosca, dove speravo di registrare Valerie Polekh. Le mie speranze furono deluse quando la dogana sovietica non mi lasciò portare il registratore. Dissero che dovevo ricevere una lettera dal Ministero della Cultura per portarlo. Naturalmente, non c'era tempo per me di ricevere una lettera del genere e ho lasciato la macchina con loro. Hanno detto che avrei potuto ritirarlo al mio ritorno. Non sarei tornato a quel punto, ma sarei tornato a nord ea ovest di Leningrado (così si chiamava allora). Hanno detto che l'avrebbero mandato lassù.

Sono andato a Mosca e Intourist ha contattato Polekh che è venuto al mio hotel il 10 maggio dove abbiamo incontrato l'interprete che avevo organizzato e abbiamo proceduto a fare l'intervista nella mia stanza d'albergo. L'interprete era una giovane donna dall'aspetto simpatico che per caso era una pianista ma non sapeva nulla del corno. Polekh e io abbiamo fatto ricorso al tedesco e siamo andati d'accordo. Ho ricevuto le foto, ma ovviamente non c'era la registrazione. Mi ha dato una registrazione autografa del Concerto di Gliere. Come sai, Gliere l'aveva scritta per lui. E così quell'incontro fu alquanto deludente. Speravo di incontrare il primo corno a Leningrado, ma il mio tempo per il visto era limitato e non riuscivo proprio a organizzarlo. Ho riavuto il registratore, ma questa è un'altra storia.

Nessuno degli scandinavi era sulla mia lista e sono tornato ad Amsterdam via Helsinki, Stoccolma e Copenaghen. Al mio ritorno ad Amsterdam sono arrivato il giorno del compleanno della figlia di Adriaan. Lo sapevo, e così mi sono fermato in una pasticceria e ho comprato dei cioccolatini da portare alla festa.

Da Amsterdam ho guidato a Wiesbaden per una settimana prima di andare a nord a Colonia, dove avevo organizzato un incontro con Erich Penzel. Ci siamo incontrati al West Deutches Rundfunk, dove lavorava. Non stava temporaneamente giocando perché soffriva di una sorta di problema alla mascella, il che era piuttosto doloroso. Parlava un buon inglese.

Il prossimo è stato Heinrich Keller ad Amburgo, e il 6 giugno ho passato il pomeriggio a casa sua dove abbiamo fatto l'intervista. Il suo inglese era molto limitato, ma ci siamo riusciti con il mio tedesco limitato. La sua famiglia era molto cordiale e sono stato invitato a rimanere per cena. Ho buone note su di lui.

Il 12 giugno ero a Monaco di Baviera per intervistare Kurt Richter, il primo corno della Radio di Stato bavarese. Richter sembrava un po' irritato per la situazione. Di tutte le persone che ho incontrato lui era l'unico che non era eccessivamente cordiale e collaborativo. Il suo modo di suonare non era il massimo. Forse è stata solo una brutta giornata.

L'ultima intervista fu il 20 luglio 1965 a Parigi. Avevo già scritto a Lucien Thevet in precedenza, e quando ho chiamato a casa mi è capitato di chiamare sua figlia, che parlava un inglese fluente. Mi ha chiesto di richiamare dopo aver parlato con suo padre dell'orario di incontro per noi. Così sono andato da Alphonse-Leduc e ho comprato il suo Methode in due volumi e l'ho incontrato all'American Express, tenendo i libri davanti a me in modo che potesse riconoscermi. Attraversammo la strada verso quello che oggi è il vecchio L'Opera e salimmo in una stanza al piano di sopra. Era una stanza molto live ed ero preoccupato per la registrazione. Parlava poco inglese e ho dovuto accontentarmi del mio francese limitato. Volevo in particolare registrarlo mentre usava il vibrato nel vecchio stile francese e boemo, e suonava su un sistema a valvole Selmer Ascendant.