Angelika (o Tom?) stava chiedendo Alexander 103s, notando che sebbene siano il corno orchestrale standard in Germania e molto popolare nel Regno Unito, sono raramente visti negli Stati Uniti, specialmente nelle orchestre professionali statunitensi. Lei/lui si chiede perché sia ​​così. Permettetemi di parlare dal punto di vista di un dilettante attivo.

Il problema potrebbe essere che gli Alex variano così tanto da un corno all'altro, dal veramente sublime al assolutamente ridicolo. Ho suonato almeno 20 103 da quando sono entrato alla scuola di musica nel 1972. Di quei 20, mi sono piaciuti solo tre o quattro. Di quei tre o quattro, due erano (e sono) strumenti assolutamente superbi. Li ho posseduti entrambi. Uno è un meraviglioso 70 di età compresa tra 80 e 103 anni che possiedo ancora e suono in ambienti da camera e l'altro è un eccellente 103 costruito alla fine degli anni '1960 (l'ho venduto qualche anno fa a un buon amico). Non posso dire abbastanza cose positive di questi due corni. Parlano molto facilmente: pianissimo senza sforzo. L'intonazione è corretta su tutta la gamma. Producono insulti liquidi e legati fluidi. Hanno quell'inimitabile Alexander suono: come posso descriverlo? Vellutato, pieno, un cuore scuro con accenni di luminosità intorno ai bordi. Più luminoso all'aumentare del volume, ma senza mai perdere il centro vellutato e scuro.

Bene, questi sono i due che ho posseduto, lasciandoci con almeno altri 18 corni da considerare. Molti erano OK: non buoni, non cattivi, non valeva la pena acquistarli. Il resto, mi duole dirlo, era piuttosto orribile, conforme a due, tre, quattro o più degli stereotipi negativi che tutti noi da questa parte dell'Atlantico abbiamo sentito parlare di Alexs: soffocante, stonato, privo di un gamma bassa, inaffidabile in gamma alta, incapace di un vero fortissimo, ecc. e così via. Sospetto che questo sia il modo in cui molti americani pensano ad Alexs perché non ne hanno mai incontrato uno di quelli buoni. (Ho un amico tecnico del corno che afferma che i tedeschi tengono per sé quelli buoni; gli inglesi hanno la seconda scelta; gli yankee ottengono i più piccoli della cucciolata.)

So che ogni produttore produce clacson migliori o peggiori di altri dello stesso modello. Le Yamaha 667 non suonano tutte esattamente allo stesso modo, oppure Holton 179s, o Conn 8Ds, oppure Paxman 25 anni... Anche i Lawson variano. Ma secondo la mia esperienza, altri produttori di corni producono strumenti che sono molto più coerenti da un corno all'altro che Alexander fa. È strano, ma posso dire onestamente che il miglior corno di qualità professionale che abbia mai suonato e il peggiore sono stati entrambi gli Alex 103.

Sono in procinto di acquistare un vecchio Alex 103 al momento e, come gli ho già detto, me ne sono quasi innamorato! Anche il mio primo insegnante ha suonato su un Alex, quindi ho imparato a suonare in uno "stile Alex". Sono fantastici, con un sacco di piccole stranezze e caratteristiche, come la valvola a pollice capovolta o lo spazio abbastanza grande da far passare la tua gamba (beh, quasi!) Sotto la terza valvola! Non solo, ma suonano alla grande e quello che ottengo è il più delle volte accordato, con un tono uguale in tutte le gamme, che sono ferme e reattive. Cosa posso dire? È fantastico!!
Qualcuno sa dirmi quale modello Alexander il corno è il più popolare in Germania (cioè, usato dai membri della Filarmonica di Berlino, ecc.) Sto cercando di acquistare un Alex ma non so quale modello sia. Grazie in anticipo.
Ethan Bearman
Penso che il modello 103 sia il più popolare in Germania. Secondo il catalogo, Alexander costruì il primo strumento di questo modello nel 1907 e brevettò il dispositivo della sua valvola rotante il 30 maggio 1909. Il modello 101 ha un design simile ma ha una grande campana. Producono anche clacson Knopf / Geyer wrap: modelli 1103, 1104 (con tasto gestopf), 200 (modello anniversario) e 503 (corno studente).
Toru Ikeno
"Penso che la maggior parte degli inserzionisti britannici sarebbe d'accordo che il Alexander 103 è considerato IL classico corno qui. Deduco che il primo importato in Gran Bretagna nei primi anni '30 fosse di proprietà di Francis Bradley (figlio di Adolf Borsdorf)."

"Tre applausi per Alexander!! Sono innamorato delle loro corna dai tempi del college negli anni '1960, ma non ho mai avuto abbastanza soldi per comprarne uno. Quando finalmente ne ottenni uno in uno scambio vent'anni dopo (per un Finke Triple), suonava bene, ma non così bene come ricordavo. Un amico le aveva appena messo una pipa Lawson Alexander, così ho potuto provare a comprare la sua vecchia pipa Alex. Il corno ora suonava alla grande".

Ho studiato con Francis Bradley al GSM di Londra nei primi anni Sessanta e posso confermare che l'Alex 103 era IL clacson preferito allora. Non era considerato un classico allora, anche se esiste da molto tempo in Germania (è stato brevettato nel 1912, credo). A quel tempo c'erano molti esperimenti con i corni in Sib/La e discendente, ma questo non ha mai sostituito il fidato vecchio doppio corno. I corni in Sib/La con un'estensione in Fa erano i preferiti da alcuni musicisti. L'ex preside dei London Mozart Players di James Diack aveva un Alex in Sib/La con le leve delle valvole ad azione rapida e corte che erano molto veloci.

Quando ho avuto bisogno di aggiornare il mio strumento, Francis mi ha procurato il 103 di Patrick Strevens, costruito alla fine degli anni '40. Aveva 12 anni e l'ho pagato 100 sterline. Come ha scoperto Wilbert Kimple, puoi ottenere un grande valore se sei disposto ad aspettare lo strumento giusto e chiedi un piccolo consiglio ai tuoi amici suonatori di corno.

Ho praticamente consumato il tubo di piombo fino a quando non è diventato quasi sottile come la carta e ho dovuto installarne uno nuovo PaxmanS. I tubi di piombo proprio come i bocals (crooks) nei fagotti e nel corno inglese sono molto importanti per il tono e la risposta di uno strumento, quindi non scherzare con loro a meno che tu non abbia davvero un problema. Ora ho praticamente consumato la campana ma suona ancora magnificamente. Penso che i cappucci in argento tedesco incisi a mano siano davvero ciò che distingue i vecchi 103.

Prima di correre alla ricerca dei vecchi 103, ricorda che, come tutti gli strumenti fatti a mano, ogni strumento avrà le sue caratteristiche, quindi provale prima di investire. Credo che qualcuno in questa lista abbia detto che uno dei migliori e uno dei peggiori corni che avesse mai suonato fosse un Alexander. Ci sono grandi costruttori e grandi corni - alla fine è il corno che conta - dato che il suonatore è una costante :)

Saluti a tutti

Francesco Pau
"Penso che i cappucci in argento tedesco incisi a mano siano davvero ciò che distingue i vecchi 103".

Possiedo un Alex 103 costruito negli anni '60. Ha i cappucci incisi a mano. Ho un catalogo "94 da Alexander che mostra i cappucci incisi sui nuovi modelli. Concordo sul fatto che sia una caratteristica molto distintiva delle corna di Alex. FRESCO!

Bill Ostler
Alcuni anni fa un mio amico insegnante mi ha portato il suo 103 insieme a 3 leadpipe Lawson e dopo una notevole quantità di prove ha deciso quale voleva montare. Mi ha anche chiesto se potevo procurargli un campanello Conn 8D. È arrivato puntualmente dagli Stati Uniti e l'ho tagliato per fare una campana a vite e l'ho montato sul 103. L'effetto complessivo sullo strumento è stato, beh, per citare il proprietario, "Brillante, semplicemente geniale". L'intonazione era ottima, specialmente nel registro superiore e il Sib e il Si acuti, che nell'originale erano pessimi, suonavano entrambi come una campana. Il proprietario, Irvin Rosenthall, è morto da allora, ma so che c'erano un certo numero di suonatori di corno che volevano metterci le mani sopra. Ho provato l'Alex leadpipe sulla mia Yamaha 664 e ho scoperto che ha aperto il mio registro superiore, quindi se montato ed è stato lì per 20 anni. Spero che qualcuno trovi questi commenti interessanti.
Tony Croce
(insegnante di ottoni in pensione e riparatore di ottoni.)
Torna all'indice dell'Archivio Informazioni
Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente, incluso lo stato di accesso. Utilizzando il sito accetti l'utilizzo dei cookie.
Ok