Alexander1Franz Ambros
Franz Ambros
Alexander2Kaspar Anton
Kaspar Anton
Alexander2Filippo
Philipp
Alexander3Franz Anton
Francesco Anton
Alexander3 Giorgio Filippo
Giorgio Filippo
Alexander4Friedrich Sebastian Anton
Federico Sebastiano Anton
Alexander4GeorgPhilippJr
Georg Philipp Jr.
Alexander5Philipp Johann Christoph
Philipp Joann Christoph
Alexander6AntonJulius
Antonio Giulio
Alexander6Hans P
Hans P.
Alexander7 Giorgio Filippo
Giorgio Filippo

fratelli Alexander produce strumenti musicali a Magonza, in Germania, la città sul fiume Reno dove l'azienda è stata fondata nel 1782. È ancora di proprietà e diretta, attraverso sette generazioni, dai discendenti del fondatore.

Il fondatore, Franz Ambros Alexander (1753-1802), fondò un piccolo laboratorio per la fabbricazione di strumenti musicali. Discendeva da una famiglia ugonotta francese e si trasferì dalla città di Miltenberg am Main, in Germania, a Magonza, a circa 100 km di distanza, dove fu accettato nella Gilda degli artigiani.

La produzione di strumenti a fiato assunse importanza con la seconda generazione, che stabilì la vendita di Alexanderi propri prodotti. Dopo la morte di Franz Ambros, della sua vedova e dei suoi figli Claudio, Martino e Filippo (1787-1864) ha rilevato l'attività. Kaspar Anton Alexander (1803-1872) si formò nella costruzione di strumenti a fiato e nel 1826 tornò in azienda.

La produzione di ottoni divenne più importante con la terza generazione. Franz Anton Alexander (1838-1926) ha lavorato per l'azienda a partire dal 1864. Il giovane Georg Philipp Alexander (1843-1897) trascorse cinque anni in Sassonia, Vienna e Praga imparando l'arte della costruzione di strumenti in ottone. Richard Wagner ha contattato Gebr. Alexander nel 1862 alla ricerca di una nuova tonalità di colore; la tuba Wagner è stata sviluppata in collaborazione con Gebr. Alexander. Nel 1872 Georg Philipp entra a far parte dell'azienda insieme al fratello.

Lo sviluppo del primo clacson completo, il Modello 103, ha segnato un'importante pietra miliare nella storia dell'azienda, il brevetto del 1903 ha segnato l'inizio di un rapido sviluppo nel design del clacson. I capi della quarta generazione, Friedrich Sebastian Anton (1873-1913) e Georg Philipp, Jr. (1879-1916), caduti a Verdun] non sopravvissero alla prima guerra mondiale. Le loro vedove e il loro padre, Franz Anton, guidarono l'attività durante la guerra e gli anni difficili che seguirono.

Gli anni della catastrofe finanziaria mondiale dopo il crollo del mercato azionario e la seconda guerra mondiale hanno distrutto tutto ciò che le generazioni precedenti avevano costruito. Philipp Johann Christoph (1904-1971) aveva rilevato l'azienda come quinta generazione nel 1925; lui e i dipendenti sopravvissuti alla guerra e tornati dalla detenzione hanno permesso all'azienda di recuperare il suo antico significato.

Come maestri artigiani degli ottoni, la sesta generazione ha viaggiato in tutto il mondo e ha acquisito nuove conoscenze attraverso il contatto con musicisti di spicco. Anton Julius (1935-2013) è diventato direttore dell'azienda dopo la morte del padre nel 1971. La qualità degli strumenti fabbricati è stata migliorata da Anton Julius e dal suo team di esperti, tra cui suo fratello Hans Philipp (1948-2005).

Le nuove tecnologie e il loro potenziale nello sviluppo e nella progettazione di ottoni stanno attualmente plasmando il terzo secolo e la settima generazione della storia dell'azienda. Georg Philipp (nato nel 1969), figlio di Anton Julius Alexander, è entrato in azienda nel 1992 e ne è diventato direttore nel 1999.

Il doppio corno Model 103 continua ad essere un pilastro dell'azienda, mentre vengono prodotti anche corni singoli, tripli, naturali e discreti, oltre a tube Wagner e altri strumenti e accessori. Sebbene la sede dell'azienda rimanga nell'edificio nel centro di Mainz, dove la produzione aveva avuto luogo dal 1909, nel 2011 è stato aperto un nuovo stabilimento di produzione nel parco industriale di Mainz.

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente, incluso lo stato di accesso. Utilizzando il sito accetti l'utilizzo dei cookie.
Ok