by Roberto Miele
uk flag

 English version


mieleQuando ho avuto l'invito di Kristina Mascher - Turner a poter scrivere un articolo su di me e sul corno nell'opera ne sono stato orgoglioso e onorato.

Ho iniziato lo studio del Corno all'età di 7 anni nella banda del mio paese. Mi ha subito affascinato la sua forma e soprattutto il suo suono così caldo, intenso, avvolgente.

Nel corso degli anni prima di arrivare alla Scala ho avuto modo grazie ai miei insegnanti Domenico Sebastiano e Luciano Giuliani di avvicinarmi al Corno sia in orchestra, sia in formazioni da camera, sia in veste di solista. Ho lavorato per diversi anni tra l'Accademia Nazionale di Santa Cecilia Roma, il Maggio Musicale a Firenze, Teatro Lirico di Cagliari e poi nell'anno 2000 2001 ho vinto il concorso internazionale presso il Teatro alla Scala. Sono ormai 17 anni che ho l'onore e il privilegio di suonare in questo grande teatro.

Avendo quest'ultimo una programmazione molto fitta si ha veramente l'opportunità di lavorare sia con i più grandi direttori ma soprattutto di poterli incontrare anche più volte nel corso della giornata. Di prassi il lavoro è strutturato come tutti i teatri fra prove e concerti e spesso si hanno prove di un titolo nella mattina o nel pomeriggio la sera spettacolo o un balletto.

Abbracciando un po' tutte le sfumature di programmazione quindi opera, balletto, sinfonico veramente si possono assaporare tutte le sensazioni  e soprattutto le opportunità che il repertorio  della musica in generale possono regalare. Le giornate trascorrono fra studio, prove, e spettacoli. Da quando sono in questo teatro ho avuto modo di lavorare con i più grandi direttori tra cui maestro Muti, Abbado, Baremboim, Sawallish, Giergiev, Metha, Temirkanov, Chailly, Luisi, Harding, Dudamel, Chung, ecc.

L'atmosfera che si prova quando questi grandi salgono sul podio dalla prima lettura di un'opera, di un sinfonico, di un balletto sono indescrivibili. La loro grandezza e tutto quello che  riescono a trasmettere con un semplice sguardo, gesto è qualcosa di unico. All'interno dell'orchestra del Teatro si ha l'opportunità di poter suonare in diverse formazioni sia cameristiche che non, quali Ottoni della Scala,

Ensemble  Strumentale Scaligero, I Corni della Scala, I Cameristi della Scala, I Virtuosi della Scala, Quintetto dell'Opera di Milano.
Per concludere un panorama a 360° per quanto riguarda la letteratura del Corno ho intrapreso da anni la carriera di Direttore, Solista e soprattutto ho voluto fondare un trio, Trio Morgen (www.triomorgen.eu), con il quale posso estendere la mia attività a tutta quella parte di musica da camera e liederistica in modo da avere un quadro completo del Corno.

Strauss: Concerto #2, mvt. 1&2

Strauss: Concerto #2, mvt. 3

Strauss: Alphorn

Strauss: Morgen

This website uses cookies to enhance user experience, including login status. By using the site you are accepting the use of cookies.
Ok